Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
25 gennaio 2012 3 25 /01 /gennaio /2012 19:31

Aspetto ogni singola goccia di pioggia,

desiderio intimo di pulire i pensieri dalle sozzerie dalle bassezze

dalle viltà di ogni giorno,

desiderio di pioggia

desiderio di purificazione

desiderio di assoluzione morale

dell'indifferenza dell'umanità

che si maschera dietro una parvenza 

fatta di nulla...

desiderio di pulire il Mondo dal niente umano...

Repost 0
26 novembre 2011 6 26 /11 /novembre /2011 13:58

Questa mattina, aspettavo insieme a mie figlie il 62.

Ero vicimo al pala Tazzoli e per chi è di Torino, sa che si tratta di uno dei due palazzetti del ghiaccio, dove si imparano l'hockey ed il pattinaggio di figura.

Chi abita in quella zona, sa anche che i paradossi della società sono evidenti anche se, in realtà, chi vuole vedere davvero riesce a vedere e distinguere in ogni posto...

Dicevo: eravamo lì, alla fermata della panetteria, da cui i profumi del forno intridono l'aria di delizia e fragranza a cui si resiste con grande fatica.

Si avvicina una signora anziana e con un sorriso mi domanda "Scusi ma non ha paura che cadano da quell'altezza?"

La guardo sorpresa e mi giro verso le bambine che erano sedute sullo scalino della vetrina della panetteria, perse nei loro pensieri.

Guardo e mi viene da sorridere.

Mi volgo verso la signora anziana, a mia volta sto al gioco "Spero che non si facciano male se dovessero cadere!" e ridiamo, poi si scusa e inizia un discorso, sull'educare i figli, su come stavano meglio ai suoi tempi e sui pericoli e su come giocavano una volta....

Mi dice di avere 78 anni, io invece noto gli occhi azzurri ancora limpidi e la immagino bionda ma non so perchè...lei parla, il discorso arriva poi alla fine incolpando il governo di tutto, ma questo lo facciamo tutti...

La signora mi confessa di non essersi mai sposata perchè aveva visto tanta gente divorziare e quindi non aveva avuto figli ma era contenta così.

L'ho timidamente osservata, è pulita, i suoi indumenti provengono dai mercati e sono di qualche tempo fa, è magra e mastica un chewingum (!), per cui i denti sono ancora i suoi, nonstante tutto penso che anche lei ha i suoi problemi, a partire dalla solitudine che le fa fermare le persone alle fermate degli autobus...in fondo mi spiace lasciarla, ma nella conversazione alza la voce e io non so darle risposte, io non ho risposte, spero solo di averle fatto piacere con questa breve chiaccherata alla fermata del 62.

Repost 0
6 novembre 2011 7 06 /11 /novembre /2011 21:10

LA NOIA

 

Sono in dubbio su cosa sa la noia…ora che ho le bambine, marito, mamma da curare la noia non so di preciso cosa sia…potessi fermarmi magari mi potrei anche annoiare un po’, giusto per sapere cosa si prova.

C’erano giorni in cui la solitudine e l’isolamento erano tali che veramente era difficile immaginare la mia vita di oggi, ma in ogni caso non ero mai annoiata: ero disperatamente sola con mille e più sogni per la testa.

Penso in realtà, che i momenti di noia potrebbe risultare perfino utili se solo ci fosse il coraggio di affrontare se stesse nei momenti di vuoto, in cui teoricamente non c’è nulla da fare, ma non sempre correre come dei matti per riuscire ad essere efficienti significa non annoiarsi, penso che spesso riempiamo i giorni con una quantità tale di cose da fare soltanto per fuggire da qualcosa o da qualcuno, ma non so se sia più corretto chiamare questa fuga noia o paura di trovarsi di fronte a se stessi e fare i conti con la nostra solitudine, insidiatasi nel profondo delle nostre anime.

Repost 0
6 novembre 2011 7 06 /11 /novembre /2011 21:04

rincorrere un sogno...per fuggire da tutto e da tutti...

Repost 0
4 ottobre 2011 2 04 /10 /ottobre /2011 18:44

in questi o ultimo periodo sto utilizzando la bicicletta come mezzo di trasporto ed ammetto che non mi ero accorta di quante persona nella mia città facevano già da molto tempo quello che in realyà io ho ripreso da qualche mese...

Repost 0
28 settembre 2011 3 28 /09 /settembre /2011 21:28

come si fa quando si ha voglia di mandare tutto  a quel paese?

come si fa quando non si più nemmeno voglia di mandare tutto a quel paese?

Repost 0
4 luglio 2011 1 04 /07 /luglio /2011 18:16

il bacio hayez
il bacio hayez
di Intorno alle Parole

 

uno dei quadri che preferisco

Repost 0
4 luglio 2011 1 04 /07 /luglio /2011 17:52

il cielo carico di nuvole, qualche lontano brontolio,preannuncio di un imminente acquazzone in città, aumentano il fascino ambiguo della mia città sospesa tra il glorioso passato e l'incerto futuro...

 

 


 

Jonathan Swift

           

A Description of a City Shower

 

        Careful observers may foretell the hour

        (By sure prognostics) when to dread a shower:

        While rain depends, the pensive cat gives o'er

        Her frolics, and pursues her tail no more.

        Returning home at night, you'll find the sink

        Strike your offended sense with double stink.

        If you be wise, then go not far to dine,

        You spend in coach-hire more than save in wine.

        A coming shower your shooting corns presage,

        Old aches throb, your hollow tooth will rage.

        Sauntering in coffee-house is Dulman seen;

        He damns the climate, and complains of spleen.

 

        Mean while the South rising with dabbled wings,

        A sable cloud a-thwart the welkin flings,

        That swilled more liquor than it could contain,

        And like a drunkard gives it up again.

        Brisk Susan whips her linen from the rope,

        While the first drizzling shower is born aslope,

        Such is that sprinkling which some careless quean

        Flirts on you from her mop, but not so clean.

        You fly, invoke the gods; then turning, stop

        To rail; she singing, still whirls on her mop.

        Not yet, the dust had shunned the unequal strife,

        But aided by the wind, fought still for life;

        And wafted with its foe by violent gust,

        'Twas doubtful which was rain, and which was dust.

        Ah! where must needy poet seek for Aid,

        When dust and rain at once his coat invade;

        Sole coat, where dust cemented by the rain,

        Erects the nap, and leaves a cloudy stain.

 

        Now in contiguous drops the flood comes down,

        Threatening with deluge this devoted town.

        To shops in crowds the daggled females fly,

        Pretend to cheapen Goods, but nothing buy.

        The Templar spruce, while every spout's a-broach,

        Stays till 'tis fair, yet seems to call a coach.

        The tucked-up sempstress walks with hasty strides,

        While streams run down her oiled umbrella's sides.

        Here various kinds by various fortunes led,

        Commence acquaintance underneath a shed.

        Triumphant Tories, and desponding Whigs,

        Forget their feuds, and join to save their wigs.

        Boxed in a chair the beau impatient sits,

        While spouts run clattering o'er the roof by fits;

        And ever and anon with frightful din

 

 

 


un ricordo dell'università....

Repost 0
3 luglio 2011 7 03 /07 /luglio /2011 11:19

il tempo impietoso scorre lasciando tracce indelebili negli animi che alla sera si ritrovano stanchi e svuotati di volontà

Repost 0
30 giugno 2011 4 30 /06 /giugno /2011 18:36

...sento il caldo sulla pelle e in me rinasce il desiderio di sdraiarmi su una spiaggia ad ascoltare il canto del mare....

Repost 0

Présentation

  • : Intorno alle Parole
  • Intorno alle Parole
  • : parole per sognare,comunicare, dire...
  • Contatti

Profilo

  • Intorno alle Parole
  • sono una persona la cui normalità è il suo punto di forza in un mondo dove tutto deve essere oltre la normalità

Recherche

Archivi

Pagine

Liens